Belvedere (cose che succedono) – 3

di Gianni Di Quattro

 

L’Arabia Saudita è quasi certamente destinata a giocare un ruolo fondamentale in Medio Oriente.
Ѐ una dura dittatura, ma si sta aprendo moltissimo, promuove il turismo, le conquiste delle donne rispetto a pochi anni fa sono notevoli, si interessa di arte, prepara una classe dirigente di livello che studia nelle università occidentali di prima linea, cerca di diversificare gli investimenti, è disponibile a collaborazioni.
Potrebbe rappresentare nella regione un riferimento occidentale significativo per equilibrare il ruolo iraniano e quello turco.
Potrebbe, inoltre, aiutare Israele ad uscire dal tunnel nel quale si è cacciata e contribuire alla gestione della striscia e della Cisgiordania.
Gli Stati Uniti pare che scommettano su questo scenario e forse la diplomazia internazionale dovrebbe cominciare a lavorarci un po’ di più.

Si possono usare le armi che gli occidentali, a partire dagli USA, forniscono all’Ucraina per difendere il suo territorio invaso dalla Russia, anche sul territorio russo?

Si sta ovviamente parlando solo di attaccare i centri russi vicini al confine da dove partono i missili e che sono i centri logistici degli invasori. Alla fine, gli occidentali si stanno dimostrando d’accordo e non potrebbe essere altrimenti, che senso avrebbe il contrario?

La condanna penale di Donald Trump non fermerà la sua corsa alla Presidenza, così sono le loro regole e così dicono gli osservatori ed i sondaggi. Se dovesse davvero venire eletto comunque rimarrebbe una macchia morale nella storia di quella democrazia.

La separazione delle carriere tra magistratura giudicante ed inquirente ha due lati positivi: la maggiore autonomia della magistratura stessa con l’istituzione dell’Alta Corte disciplinare perché esclude l’intervento esterno del Consiglio di Stato e l’uso del sorteggio nella composizione del CSM perché in tutto o in parte esclude le correnti parapolitiche dal gioco.

Tutte le altre argomentazioni a favore o contro questa ipotesi sono soprattutto strumentalizzazioni.

L’abolizione eventuale della obbligatorietà dell’azione penale può lasciare più perplessi, perché potrebbe essere l’anticamera di una discrezionalità politica.

La Commissione europea ha dato il via libera alla vendita della rete Telecom Italia al fondo americano KKR.

Questo fatto avrà sicuramente conseguenze su tutto il settore, cambierà la strategia della Telecom e forse ci saranno movimenti nel suo azionariato. Forse anche qualche appendice processuale.

Anche Unicredit ha deciso di ridurre l’orario di lavoro di tutto il personale. Ormai cominciano ad essere un certo numero le aziende italiane orientate in questo modo. Una buona cosa, ma può venire in mente di chiedersi dove sono in questo contesto la politica ed i sindacati.

L’abolizione dei senatori a vita è una stupidata. Cancellare un simbolo delle istituzioni non è mai positivo oltre ad essere inutile. A meno che non si voglia deliberatamente togliere anche questa prerogativa al Presidente della Repubblica.

La sensazione sempre più evidente è che l’esercito israeliano così come il loro mitico servizio di intelligence non sono più come una volta.

Una volta sapevano tutto prima, sapevano dove e chi colpire. Ora non più, come dimostra la loro sconfitta del 7 ottobre e la conduzione di una guerra che sta distruggendo un popolo senza distruggere Hamas.

La relazione del Governatore della Banca d’Italia: ridurre il debito, attenzione alle spese, più immigrati regolari. Non mi pare che questo Governo abbia gli stessi obiettivi.