Omnia vincit amor

Un augurio

di Alessandra Tucci

 

A chi non tradisce. Un segreto, la fiducia riposta, il sogno. L’amico il compagno. L’altro. E non perché etico o giusto. Perché sa che nel tradire tradisce se stesso.

A chi sa che il potere più grande che ha ogni essere umano è amare. E non ha bisogno di rime baciate a ritmare quel che è più che evidente: chi espira l’amare nell’inspirare si espande. Sempre.

A chi conosce il segreto del donare, quel che temendo di perdere ricchezza abbiamo perso perdendo abbondanza. Che nella misura in cui doni tu cresci, è questa la Legge. È infallibile.

A chi sa che inscatolare la vita dentro un conforme cliché realizzato in serie a spegnere l’impulso ad essere è sprecare questo esistere.

A chi si apre al dialogo e a vedere. Uscendo da sé, senza barriere. A chi apre libri, atlante, prospettive, visione. Mente, cuore. E (si) chiede: chi l’ha deciso che l’essere umano debba vivere dentro l’angoscia se il suo DNA è plasmato nella gioia?

A chi non permette a nessuno di dirgli di odiare. Perché è lui che decide cosa immettere in vena e nel cuore e il veleno che l’odio secerne lo lascia volentieri al sole. A evaporare.

A chi non dimentica un solo istante di avere un’anima che vibra e abbassa il volume dell’ego e dell’illusione mondana. A chi fa silenzio per lasciarle lo spazio che chiede. E la segue.

A chi osa il nuovo e il diverso, il contatto lo scambio l’incontro. A chi sperimenta. L’altro. Consapevole che in tutto ciò che avviene c’è una ragione superiore, che la vita non accade a caso, è per noi che (av)viene. Sempre.

A chi sa che l’unica cosa di cui avere paura è la paura stessa. E va oltre. A vedere oltre che c’è.

A chi sa accendere la sua ragione di intuizione. E la persegue. A chi punta come massima ambizione ad un cuore intelligente. A chi pulsa dignità umana senza timore. A chi sa creare. Un mondo sempre migliore.

A chi ha il coraggio di (ri)creare in ogni istante la migliore versione di chi sente di essere.

A chi ha il coraggio di rinascere. Continuamente.